parole-omofone-in-inglese

Parole Omofone in Inglese: 25 Coppie di Termini Indispensabili per gli Studenti

La pronuncia inglese può essere particolarmente strana.

Se state studiando questa lingua , anche se da poco tempo, probabilmente avete già notato questa caratteristica, dico bene?

Probabilmente siete rimasti sorpresi nello scoprire che il numero two (due) si pronuncia nello stesso modo di to.

Oppure, una volta iniziato a studiare il tempo passato , avete pensato che fosse strano che ate (mangiare) avesse lo stesso suono di eight (otto).

Credetemi, tutto ciò risulta strano e confuso persino per i madrelingua, quindi state tranquilli, non siete soli, you’re not alone!

Oppure si dice your not alone? Scherzo! Intendevo you’re not alone, ma non è difficile imbattersi in  diversi esempi in cui i madrelingua confondono you’re con your.

Queste coppie di parole che si pronunciano nello stesso modo, ma hanno diversi significati, prendono il nome di omofone. In questo articolo, andremo a conoscere 25 coppie di parole omofone in inglese che vi torneranno sicuramente utili. Iniziamo dando un’occhiata al significato della parola “omofono”.

Che cos’è una Parola Omofona?

Come visto sopra, le coppie di parole come you’re e your prendono il nome di parole omofone. La parola deriva da omo-, che significa “stesso”, e fono- che significa suono. Di conseguenza, le parole omofone in inglese, come in italiano, hanno lo stesso suono, ma presentano significati diversi. Quindi le parole two e to, così come ate ed eight, sono omofone.

Un altro tipo di parole che inizia sempre con omo- e viene spesso confuso dai madrelingua  è quello delle parole omonime (homonyms, in inglese). Anche in questo caso la radice homo- significa “stesso”, mentre -nym significa “nome”. Un omonimo è una parola che ha diversi significati, ma si scrive sempre nello stesso modo.

Un esempio di parola omonima è bear. Probabilmente sapete già che bear significa orso, ma la stessa parola (con funzione di verbo) significa “sopportare”. Per esempio: I’m so nervous about watching this game, I can’t bear to watch the last minute! (Sono così nervoso per questa partita che non riesco a sopportare la visione dell’ultimo minuto!). Nonostante ciò, in questa sede ci concentreremo esclusivamente sulle parole omofone in inglese.

Perché le Parole Omofone Inglesi sono così Tante?

La pronuncia e l’ortografia delle parole inglesi spesso non coincidono. Anche il francese presenta questa caratteristica ed include molte parole diverse che hanno la stessa pronuncia.

Anche le parole omofone cinesi sono molto interessanti. Esiste persino una famosa storia cinese dove ogni singola parola è una variazione del termine “shi”!

Altre lingue, come lo spagnolo oppure il tedesco, per esempio, presentano una pronuncia molto più coerente con l’ortografia. In queste lingue, quasi tutte le parole si pronunciano come sono scritte, ma anch’esse possiedono alcune parole omofone. Il punto è che praticamente tutte le lingue possiedono delle parole omofone, quindi provate a non scoraggiarvi quando cercate di impararle.

A prescindere da ciò, la lingua inglese possiede molti suoni vocalici, diverse lettere mute e tante parole che derivano da altre lingue e, di conseguenza, include molte parole omofone.

Per aiutarvi ad impararle abbiamo raccolto alcuni consigli accompagnati da una pratica lista delle parole omofone in inglese più comuni.

Come si Imparano le Parole Omofone in Inglese?

Un famoso detto in inglese recita: practice makes perfect. (La pratica rende perfetti) Ciò significa che se desiderate diventare degli esperti in qualcosa (come nell’ambito delle parole omofone o della lingua inglese in generale), avrete bisogno di fare molta pratica. Per vostra fortuna, esistono molti modi per esercitarsi con le parole omofone in inglese.

Taccuino / vocabolario

Questo è forse il modo più semplice per fare pratica e se già possedete una penna e un pezzo di carta sarà pure gratis!

Quando i miei studenti mi chiedono consigli su come migliorare il proprio lessico, spesso suggerisco loro di tenere sempre a portata di mano un piccolo taccuino/vocabolario. Io facevo lo stesso quando studiavo tedesco e spagnolo, e voi potete fare altrettanto.

Ogni volta che sentite una parola o una frase nuova, scrivetela sul vostro taccuino. Potete anche scrivere la definizione, un sinonimo o una frase d’esempio. Tutti questi elementi vi aiuteranno a ricordare la parola.

Ovviamente, potrete usare lo stesso taccuino per appuntarvi le parole omofone in inglese. Creare una lista o una sezione separata dedicata alle parole omofone potrà esservi d’aiuto, ma potrete usare qualsiasi metodo troviate più comodo.

Nello specifico, se (come il sottoscritto) apprendete meglio tramite dei contenuti visivi o tramite la scrittura, allora questa tecnica sarà un ottimo modo per arricchire il vostro vocabolario inglese.

Libri sulle parole omofone

Esistono dei testi divertenti specificatamente incentrarti sulle parole omofone. Due dei più popolari sono: “A Chocolate Moose for Dinner” e “The King Who Rained”, entrambi scritti da Fred Gwynne. Un altro è “Dear Deer” di Gene Barretta. Potrete trovarli sia in libreria che online, ma trovare delle copie digitali potrebbe risultare un po’ difficile in quanto si tratta di testi un po’ datati.

Potrete persino guardare dei video di persone che leggono questi libri (eccovi i video per “A Chocolate Moose for Dinner,” “The King Who Rained” e “Dear Deer”), ma purtroppo la loro qualità non è delle migliori. Nonostante ciò, avrete comunque modo di seguire le rispettive storie e leggere alcuni esempi di giochi di parole che utilizzano le parole omofone in inglese.

Canzoni e siti online

Come per tante altre cose, Internet può essere una risorsa fantastica per l’apprendimento dell’inglese. Potrete trovare ulteriori informazioni sui libri citati in precedenza, così come siti e filmati creati appositamente per aiutarvi ad apprendere le parole omofone in inglese.

Troverete video divertenti (ed insoliti) come il video di questa canzone sulle parole omofone e  questa ballata  che vede come protagonisti un uomo ed un leone. In alternativa, se avete 46 minuti liberi, vi consiglio di guardare questo ottimo video che include tantissime parole omofone in inglese e la loro pronuncia. Ho incluso anche alcuni link a video e siti che possono aiutarvi con particolari coppie di parole omofone che troverete nella nostra lista.

Infine, ci sono altri siti che possono aiutarvi ad imparare le omofone. Uno che mi sento di consigliare si chiama Grammarist.com. Quest’ultimo tratta diversi argomenti oltre alle parole omofone in inglese, ma spesso propone anche queste ultime. Inoltre, il resto dei vocaboli presentati è relativo a degli eventi di attualità, quindi si tratta di un sito genericamente ottimo se desiderate arricchire il vostro lessico.

FluentU non è semplicemente un ottimo sito dove migliorare il vostro lessico inglese, ma rappresenta anche un fantastico modo per vedere e ascoltare un inglese autentico. FluentU propone video in inglese – come video musicali, trailer cinematografici, notiziari e conferenze interessanti – trasformati in lezioni di lingua personalizzate. Avendo la possibilità di vedere e ascoltare come le parole vengono scritte e pronunciate, eviterete di confondere le parole omofone.

Parole Omofone in Inglese: 25 Coppie di Termini Indispensabili per gli Studenti

A seconda della vostra esperienza nell’apprendimento dell’inglese potreste già conoscere alcune di queste parole. Ciononostante, ho creato questa lista in modo che persino gli studenti di livello più avanzato possano trovare qualche parola interessante. Quindi spero che troviate almeno una manciata di parole che non conoscete!

Per ogni set di parole includerò una breve definizione ed un esempio di utilizzo delle stesse. Successivamente potrete consultare alcune curiosità sulle parole, come altre parole simili o link a video, fumetti o siti web.

Un’ultima cosa: la maggior parte delle coppie di parole omofone esistono in qualsiasi variante dell’ inglese, ma per via di alcune piccole differenze di pronuncia, alcune parole che sono omofone nell’inglese americano non lo sono nell’inglese britannico, e viceversa.

Inoltre, esistono alcune parole omofone che sono più comuni nell’inglese americano piuttosto che in quello britannico, e viceversa. Potrete consultare una lista di parole omofone specifiche dell’inglese britannico a questo indirizzo, ma la maggior parte di esse è omofona anche nell’inglese americano. Ecco qua! Se il tutto vi sembra complicato, non temete: in questa sede ci concentreremo solo sulle omofone più distinguibili e popolari.

1. ate, eight

ate (verbo): Semplicemente il tempo passato del verbo to eat (mangiare)

I ate an entire pizza and now I’m really full and tired.
(Ho mangiato una pizza intera e adesso mi sento davvero sazio e stanco)

eight (nome): Il numero che segue il sette e precede il nove (otto).

Charles will wake up at eight o’clock tomorrow morning.
(Charles si sveglierà alle otto di domani mattina)

Curiosità: Esiste una famosa battuta per bambini che recita così:

Q: Why was 6 afraid of 7?
(Perché il 6 ha paura del 7?)

A: Because 7 ate 9.
(Perché il 7 ha mangiato il 9)

Esatto, la pronuncia è la stessa di “7, 8, 9”, mi rendo conto che si tratta di una battuta abbastanza sciocca, ma è per bambini!

2. bare, bear

bare (aggettivo): Si definisce bare qualcosa di non coperto o decorato (nudo/spoglio/scoperto).

Tom likes to walk around his house in bare feet. He says it’s more comfortable than wearing shoes.
(Tom ama camminare per casa sua a piedi nudi. Sostiene di essere più a suo agio così che con le scarpe)

bear (nome): Un grande mammifero (orso).

When you go camping, you should be careful to not leave any food or anything with a scent in your tent because they can attract bears.
(Quando si va in campeggio è necessario assicurarsi di non lasciare cibo o qualsiasi cosa abbia odore dello stesso all’interno della tenda, in quanto potrebbe attirare degli orsi).

Curiosità: Gli orsi sono spesso protagonisti di storie per bambini e cartoni animati.

3. buy, by, byehear

to buy (verbo): Acquistare. Si tratta di uno dei primi verbi che si imparano in inglese.

I forgot my money at home. Do you think you could buy me lunch and I’ll pay you back tomorrow?
(Ho dimenticato i soldi a casa. Potresti comprarmi il pranzo? Ti renderò i soldi domani)

by (preposizione): Questa parola può essere usata in diversi modi. Di solito si utilizza per dire “vicino a” quando si descrive un luogo, ma può anche indicare l’autore di qualcosa.

My favorite autobiography is “The Autobiography of Malcolm X.” It’s written by Malcolm X and Alex Haley.
(La mia autobiografia preferita è The autobiography of Malcolm X scritta da Malcolm X e Alex Haley.)

bye (esclamazione): Abbreviazione di goodbye (ciao/arrivederci).

I’ve got to go now, so bye! See you on Sunday!
(Ora devo andare, ciao! Ci vediamo domenica!)

Curiosità: In questa tripletta di parole omofone potremmo inserire anche il prefisso bi- : come in italiano, significa due/doppio, come in bipedal (bipede, due piedi), ma può essere anche un aggettivo usato come abbreviazione di bisexual (bisessuale) . Quindi, includendo bi (aggettivo) abbiamo un bel quartetto di parole omofone in inglese!

4. cell, sell

cell (nome): Uno spazio o una stanza piccola, di solito situata in una prigione. Il termine cell può indicare anche le cellule degli organismi viventi.

The prisoner spent 10 years in his cell.
(Il prigioniero ha passato 10 anni in questa cella)

to sell (verbo): Scambiare un prodotto o un servizio con del denaro (vendere). Assieme a buy, si tratta di uno dei primi verbi che si imparano quando si studia inglese.

We would like to sell our car, but we don’t think we’d get very much money for it.
(Ci piacerebbe vendere la macchina, ma non pensiamo di guadagnare tanti soldi)

Curiosità: Monaci e suore, come probabilmente saprete, vivono rispettivamente nei monasteri e nei conventi e le loro stanze vengono chiamate celle (cells) e in effetti assomigliano un po’ a quelle delle prigioni!

5. dew, do, due

dew (nome): questo termine indica le piccole gocce d’acqua che si accumulano sulle piante o altre superfici durante la notte, cioè la rugiada.

When I went outside early in the morning, the dew on the grass made my shoes wet.
(Questa mattina sono uscito presto e la rugiada sull’erba mi ha bagnato tutte le scarpe).

to do (verbo): Semplicemente il verbo fare, utilizzato per indicare un’azione oppure come verbo ausiliare.

What do you usually do on Friday nights?
(Cosa fai di solito il venerdì sera?)

due (aggettivo): Si utilizza per indicare una scadenza relativa a qualche evento, oppure per indicare la data in cui nascerà un bambino.

My friend is pregnant. Her baby is due in October.
(La mia amica è incinta. Il bambino dovrebbe nascere ad ottobre)

Curiosità: L’azienda produttrice del soft drink Mountain Dew gioca con queste omofone nel suo slogan “Do the Dew.

6. eye, I

eye (nome): La parte del corpo che usiamo per vedere (occhio).

My eyes hurt when I read. I think I need a pair of glasses.
(Quando leggo mi fanno male gli occhi. Credo di aver bisogno di un paio di occhiali)

I (pronome): Pronome di prima persona singolare (io).

I really hope you know what this word means.
(Io spero davvero che tu sappia cosa vuol dire questa parola)

Curiosità: A questa coppia di omofone in inglese è possibile aggiungere anche la parola aye. Si tratta di un modo antiquato per dire yes. Per fare un esempio, potrebbe esservi capitato di sentire la frase “Aye-aye, captain!”, come risposta ad un ordine, in un film contenente imbarcazioni e marinai. Inoltre, esiste un animale dall’aspetto insolito chiamato aye-aye. Questo l’ho scoperto un attimo fa, avete visto? Anche i madrelingua imparano parole nuove ogni giorno!

7. fairy, ferry

fairy (nome): Creatura mitologica dai poteri magici (fata).

There is a fairy named Tinkerbell in the story “Peter Pan.”
(Nella favola di Peter Pan c’è una fata chiamata Campanellino)

ferry (nome): Un’imbarcazione utilizzata per il trasporto di persone e veicoli (traghetto).

The ferry in Costa Rica is really hot and incredibly badly organized. At least the trip only takes an hour.
(Il traghetto in Costa Rica era davvero caldo e incredibilmente disorganizzato. Per fortuna il viaggio dura solo un’ora)

Curiosità: In alcune parti del mondo ai bambini viene raccontata la storia della fatina dei denti (detta tooth fairy). Questo personaggio di fantasia è particolarmente popolare negli Stati Uniti e la storia racconta che quando un bambino perde un dente deve metterlo sotto il cuscino in modo che la fatina possa sostituirlo durante la notte con una moneta.

8. flour, flower

flour (nome): L’ingrediente principale del pane (farina).

Tony wanted to make a cake, but he didn’t have any flour, so he couldn’t.
(Tony voleva preparare una torta, ma non aveva farina quindi non ha potuto)

flower (nome): Parte decorativa e colorata di un pianta (fiore).

If you want to give flowers to somebody you love, avoid white roses. They are often given when someone dies.
(Se vuoi regalare dei fiori alla persona che ami, evita e rose bianche. Spesso si regalano quando muore qualcuno)

Curiosità: In alcune lingue esiste un elemento che ha un nome simile a fluor, cioè quello che in italiano chiamiamo fluoruro. Tuttavia, in inglese l’elemento prende il nome di fluoride con la -u muta.

9. for, four

for (preposizione): Preposizione utilizzata normalmente per indicare una persona che riceve qualcosa o per indicare uno scopo.

We wanted to buy a chocolate cake for Cheryl’s birthday. The bakery didn’t have any chocolate cakes for sale, though, so we got vanilla instead.
(Volevamo comprare una torta al cioccolato per il compleanno di Cheryl, ma la pasticceria non aveva nessuna torta al cioccolato in vendita, quindi ne abbiamo preso una alla vaniglia)

four (nome): Il numero che segue il tre e precede il cinque (quattro).

The Beatles, one of the most famous bands ever, had four members: George, John, Paul and Ringo.
(I Beatles, uno dei gruppi musicali più famosi di sempre, avevano quattro membri: George, John, Paul e Ringo)

Curiosità: Anche questa coppia di omofone può facilmente diventare una tripletta: infatti, nel gioco del golf si grida “Fore!” un attimo prima di colpire la palla, in modo che gli altri stiano attenti.

10. hear, here

to hear (verbo): L’azione che si compie tramite le orecchie (sentire). Il relativo senso (cioè l’udito), prende il nome di hearing.

I can’t hear the TV. Can you please turn up the volume?
(Non riesco a sentire la TV. Potresti alzare il volume, per favore?)

here (avverbio): Utilizzato per indicare il luogo in cui ci si trova nel presente (qui/qua). In pratica, è il contrario di there (lì).

Can you set the boxes down over here please? Yes, right here next to the door.
(Puoi sistemare le scatole qua giù, per piacere. Si, proprio qui vicino alla porta.)

Curiosità: L’espressione “Hear, hear!” si utilizza per indicare che si è d’accordo con qualcosa. Tuttavia, si usa per lo più nelle situazioni formali e non è molto diffusa nell’inglese moderno.

11. hour, our

hour (nome): Un periodo di tempo composto da 60 minuti (ora).

It takes about six hours to drive from San Francisco to Los Angeles.
(Ci vogliono circa sei ore per guidare da San Francisco a Los Angeles)

our (pronome): Si tratta della forma possessiva del pronome we, corrispondente all’italiano nostro/a.

We should study for our exams.
(Dovremmo studiare per i nostri esami)

Curiosità: A seconda dell’accento di chi parla e del suo uso delle parole, questi termini possono non essere sempre delle omofone. Inoltre, per complicare ancora un po’ di più le cose, la parola our a volte si pronuncia come un’omofona di are.

12. know, no

to know (verbo): Sapere/conoscere o capire qualcosa.

Reggie knows how to speak French.
(Reggie sa parlare il francese)

no (determinante): Indica una negazione o qualcosa di non vero.

There is no good reason to listen to Justin Bieber.
(Non esiste nessuna buona ragione per ascoltare Justin Bieber).

Curiosità: Questa coppia di parole mi ha fatto pensare ad alcune canzoni interessanti. Una canzone dei Radiohead, per esempio, è intitolata “A Punchup at a Wedding (No no no no no no no no)” , mentre un’altra dei Beirut si chiama “No No No” , mentre le Destiny’s Child hanno composto ben due canzoni intitolate “No, No, No” (parte 1 e parte 2; personalmente preferisco la seconda parte.)

Inoltre, ho scoperto che esiste una band svedese (che canta in inglese) chiamata NONONO. Ogni giorno è un buon giorno per imparare qualcosa!

13. knight, night

knight (nome): Un uomo che ha ricevuto un riconoscimento speciale dal re o dalla regina (cavaliere). Di solito ci si riferisce a queste persone con l’appellativo “Sir.”.

One popular English legend talks about King Arthur and the Knights of the Round Table.
(Una popolare leggenda inglese è quella di Re Artù e i Cavalieri della Tavola Rotonda)

night (nome): La parte della giornata in cui c’è buio e la maggior parte delle persone dorme (notte).

I prefer to work at night, since it’s quieter and not as hot. I can concentrate better.
(Preferisco lavorare di notte, c’è più calma e non fa tanto caldo. Riesco a concentrarmi meglio)

Curiosità: Un vecchio show televisivo degli anni ’80 si chiamava “Knight Rider”, ma molte persone pensavano si chiamasse “Night Rider.” In realtà il suo nome era Knight Rider perché il protagonista, interpretato da David Hasselhoff, si chiamava Michael Knight.

Un’altra piccola curiosità: Io vivo in Costa Rica e qui Knight Rider si chiama “El Auto Fantástico”, oppure The Fantastic Car!

14. mail, male

(to) mail (verbo o nome): La parola con funzione di nome collettivo fa riferimento a lettere e pacchi, cioè quello che in Italia prende il nome di posta. Quando invece la parola ha funzione di verbo, significa spedire qualcosa a qualcuno. Come è facile intuire, il termine e-mail viene da questa parola.

I haven’t gotten the mail yet today, but I was expecting a letter from grandma. Can you please check the mailbox?
(Non ho ancora ricevuto la posta oggi, ma sto aspettando una lettera dalla nonna. Puoi controllare la cassetta delle lettere, per favore?)

male (aggettivo o nome): Sia con funzione di aggettivo che di nome, questa parola indica qualcosa di mascolino o che possiede organi riproduttivi maschili.

People always ask if our cat is pregnant. I tell them he can’t be, since he’s a male. He’s just fat.
(La gente mi chiede sempre se il gatto è incinta. Io gli rispondo che è impossibile perché è maschio, è semplicemente grasso.)

Curiosità: Nell’inglese britannico di solito si usa la parola post, sia con funzione di verbo che di sostantivo, al posto di mail.

15. marry, merry

to marry (verbo): L’azione di unire in matrimonio due persone, sposarsi; si può dire anche to get married.

My grandpa told me to be sure to marry a good woman.
(Il nonno mi ha detto di assicurarmi di sposare una brava donna)

merry (aggettivo): Sinonimo di happy (felice), ma poco comune nell’inglese moderno. Viene usato principalmente in frasi come “Merry Christmas!“.

I don’t like to go shopping in December because the song “We Wish You a Merry Christmas” always gets stuck in my head.
(Non mi piace andare a fare compere a dicembre perché la canzone “We Wish You a Merry Christmas” mi rimane sempre in testa.)

Curiosità: Questo è un altro esempio di una coppia di parole omofone in inglese che può facilmente diventare una tripletta, vi basta aggiungere il nome Mary.

16. meat, meet

meat (nome): Carne animale.

Vegetarians don’t eat meat.
(I vegetariani non mangiano la carne)

to meet (verbo): Indica quando si viene presentati per la prima volta qualcuno. Può anche riferirsi agli incontri successivi.

I’m excited to travel to England so I can meet some new people!
(Sono entusiasta di partire per l’Inghilterra, potrò conoscere qualche persona nuova!)

Curiosità: In inglese, meet può essere riferito a delle persone, ma non ai luoghi. Volendo esprimere il vostro desiderio di vedere un luogo per la prima volta, potreste dire “I want to see Paris”, “I want to go to Paris” oppure “I want to visit Paris”, ma in generale le parole meet e know non si usano con riferimento ai luoghi.

17. pair, pear

pair (nome): Una coppia di due cose (paio/coppia).

Most of these examples of homophone sets are pairs of words, but some are groups of three or four words.
(La maggior parte degli esempi di omofone proposte sono delle coppie di parole, ma alcune sono rappresentate da gruppi di tre o quattro parole)

pear (nome): Un frutto delizioso.

I wanted to buy pears for my fruit salad, but they only had winter pears. I don’t like winter pears very much because they’re hard, so I got peaches instead.
(Volevo comprare delle pere per la mia macedonia, ma avevano solo pere invernali. Le pere invernali non mi piacciono molto perché sono dure, così ho preso delle pesche)

Curiosità: Anche a questa coppia di omofone possiamo aggiungere una terza parola: to pare. Significa tagliare qualcosa per renderla più piccola.

18. right, write

right (aggettivo): Questo termine può indicare sia il sinonimo di correct (giusto) che il contrario di left (destra).

I should turn right when I get to 10th Street, right?
(Devo girare a destra quando arrivo alla decima strada, giusto?)

to write (verbo): Creare parole o segni per rappresentare idee (scrivere).

Jerry’s dream is to write a novel, but he hasn’t decided what the book should be about.
(Il sogno di Jerry è scrivere un romanzo, ma non ha ancora deciso di cosa dovrebbe parlare)  

Curiosità: Ancora una volta, possiamo includere un’altra parola, cioè rite, che indica una cerimonia, un rito per l’esattezza. Inoltre, esiste il cognome Wright che si pronuncia nello stesso modo di right, write e rite.

19. sight, site

sight (nome): Il senso che utilizziamo per vedere e osservare.

Blind people can’t see. They have no sight.
(Le persone ceche non vedono. Non possiedono il senso della vista)

site (nome): Sinonimo di place (luogo/sito). L’uso più comune nell’inglese moderno è nella parola website.

There’s an awesome site for language learners. It’s www.fluentu.com.
(Esiste un ottimo sito per chi vuole apprendere le lingue: www.fluentu.com)

Curiosità: Indovinate un po’: anche in questo caso possiamo inserire una terza parola, cioè to cite, che significa citare. Si usa spesso nei documenti accademici che contengono citazioni di altri testi.

20. son, sun

son (nome): Figlio maschio.

Grandma and grandpa had four sons and three daughters.
(Nonno e nonna hanno avuto quattro figli e tre figlie).

sun (nome): La stella posizionata al centro del nostro sistema solare. In pratica quella enorme cosa luminosa che vediamo nel cielo di giorno.

Don’t look directly at the sun, or you’ll damage your eyes. You may even lose your eyesight!
(Non guardare direttamente il sole o ti farai male agli occhi. Potresti persino diventare cieco!)

Curiosità: Non dimenticate che la parola sons indica solo i figli maschi, mentre daughters si usa per indicare le femmine. Se desiderate indicare sons and daughters con una sola parola, potete usare children (anche quando parlate di persone adulte).

21. their, there, they’re

their (pronome): Pronome possessivo della terza persona plurale they.

We should study for our English exam, and they should study for their German exam.
(Noi dovremmo studiare per il nostro esame di inglese, mentre loro dovrebbero studiare per il loro esame di tedesco)

there (avverbio): Ricordate la parola here incontrata sopra? Questa significa il contrario. There si usa per fare riferimento a qualsiasi luogo in cui non ci si trova nel presente.

Who is that over there? Is that Jane? If so, I hope she comes over here, since I want to talk to her.
(Chi è quella là? È Jane? Spero che venga verso qui perché voglio parlarle.)

they’re (forma contratta): Questa è la forma contratta di they are.

The children all passed their exams, so they’re very happy!
(I bambini hanno tutti superato i loro esami, quindi sono molto felici!)

Curiosità: Questa tripletta di omofone sembra causare più problemi ai madrelingua piuttosto che agli studenti di inglese. Esistono persino degli ottimi video rivolti specificatamente ai madrelingua, ma le persone sembrano continuare a sbagliare.

22. to, too, two

to (preposizione): Utilizzata solitamente per indicare la destinazione di qualcosa in movimento.

Every day Paul and Judy drive together to school.
(Ogni giorno Paul e Judy vanno a scuola assieme in macchina)

too (avverbio): Too può voler dire also (anche) o indicare una quantità eccessiva di qualcosa (di solito rappresentante un problema).

I’m too full to finish this plate of food. I’ll ask the waiter if we can have a container to take it home. And I’ll ask for the bill, too.
(Sono troppo piena per finire questo piatto. Chiederò al cameriere se possiamo avere un contenitore per portare il cibo a casa. E chiederò anche il conto.)

two (nome): Il numero che segue l’uno e precede il tre (due).

Most homophone sets have two words, but some have three or four.
(La maggior parte delle omofone sono gruppi di due parole, ma alcuni sono da tre o quattro.)

Curiosità: Questa è un’altra serie di parole omofone in inglese che confonde anche i madrelingua, ma ovviamente esistono dei video divertenti che possono aiutarvi a capirle meglio.

23. one, won

one (nome): Il numero compreso tra zero e due (uno).

The musical group Three Dog Night said that one was the loneliest number.
(Il gruppo musicale Three Dog Night diceva che il numero uno è il più solo.)

won (verbo): Won è il passato semplice, così come il participio passato, del verbo to win (vincere).

Grandpa won $500 in his poker game!
(Il nonno ha vinto 500$ al poker!)

Curiosità: Quando si usa il verbo to win potete indicare l’evento oppure il premio, ma non l’avversario. Per indicare quest’ultimo si utilizza il verbo to beat. Così, tornando all’esempio visto sopra, potreste dire “grandpa won $500” così come “grandpa won the poker game”, oppure potrete dire “grandpa beat all of his poker friends.”

24. wait, weight

to wait (verbo): Attendere o aspettare qualcosa.

It was snowing a lot, so the bus came late. I had to wait in the cold for 20 minutes.
(Nevicava tanto, così l’autobus è arrivato in ritardo. Ho dovuto aspettare al freddo per 20 minuti)

weight (nome): Il peso di qualcosa o qualcuno.

Every year around Christmas, many people gain a lot of weight because they eat lots of food but don’t exercise.
(Ogni anno nel periodo di Natale, molte persone prendono peso perché mangiano tanto cibo ma non fanno esercizio.)

Curiosità: Il verbo inglese che esprime l’azione di pesare qualcuno o qualcosa è to weigh, mentre l’oggetto utilizzato per pesare, cioè la bilancia, prende il nome di scale.

25. wear, where

to wear (verbo): Portare dei vestiti o degli accessori sul proprio corpo (indossare).

I hate wearing ties. They’re uncomfortable, hot, and hard to tie. Do you wear ties?
(Odio indossare cravatte. Sono scomode, fanno caldo, e sono difficili da annodare. Tu indossi le cravatte?)

where (pronome interrogativo): Un pronome interrogativo utilizzato per informarsi su una posizione (dove).

Where should we meet for dinner? Personally, I’d like to meet at the new Chinese restaurant in town.
(Dove ci incontriamo per cena? Personalmente, mi piacerebbe che ci vedessimo nel nuovo ristorante cinese in città)

Curiosità: Dato che si tratta dell’ultima coppia di parole omofone in inglese di questo articolo, non potevo fare a meno di inserire un altro termine: ware. Si tratta di un suffisso che indica una relazione tra due elementi. Per esempio, nei negozi è possibile trovare dei reparti dedicati a housewares (articoli per la casa) e kitchenware (articoli per la cucina).

 

Ecco qua, siamo giunti alla conclusione della nostra lista! Spero che, come me, abbiate imparato qualche parola nuova! Buon apprendimento!

Un Ultimo Consiglio su Come Imparare il Lessico Inglese

Per padroneggiare veramente il vocabolario inglese, avrete bisogno di tanti esempi utili e gli esempi tratti dalla vita di tutti i giorni sono ancora meglio.

Detto questo, preparatevi a conoscere il vostro nuovo compagno di studi.

FluentU offre video in inglese autentici, come video musicali, spot pubblicitari, notiziari e conferenze interessanti, trasformati in esperienze di apprendimento linguistico personalizzate.. Imparerete l’inglese autentico parlato realmente dai madrelingua.

FluentU offre un sacco di video divertenti su tantissimi argomenti differenti, come potete vedere in questa immagine:

parole-omofone-in-inglese

FluentU rende molto semplice la comprensione delle parole inglesi. Infatti, potrete utilizzare dei sottotitoli interattivi. Ciò significa che potrete cliccare su qualsiasi parola per ottenere la sua definizione, un riscontro visivo e degli esempi utili.

parole-omofone-in-inglese
Ad esempio, cliccando sulla parola “brought”, vedrete questo:

parole-omofone-in-inglese
FluentU offre ben altro oltre ai video: è una piattaforma di apprendimento davvero completa. Potrete imparare l’intero vocabolario di un video tramite dei questionari molto utili. Scorrendo a destra o a sinistra potrete visualizzare altri esempi sulla parola che volete imparare.

parole-omofone-in-inglese

La cosa migliore è che FluentU ricorda per voi il vocabolario delle parole da voi consultate. e vi consiglia altri esempi e video correlati. Vivrete un’esperienza davvero personalizzata.

Iniziate subito ad usare FluentU dal vostro browser con il vostro computer o tablet, oppure, ancora meglio, scaricate l’applicazione di FluentU da iTunes o  Google Play.


Ryan Sitzman insegna inglese, e a volte tedesco, in Costa Rica. Ama il caffè, le lingue, la fotografia, il cinema, la letteratura, scrivere e viaggiare, ma non necessariamente in quest’ordine. Potrete conoscerlo meglio o contattarlo tramite questo sito Sitzman ABC.

If you liked this post, something tells me that you'll love FluentU, the best way to learn English with real-world videos.

Experience English immersion online!

Enter your e-mail address to get your free PDF!

We hate SPAM and promise to keep your email address safe

Close