errori-comuni-in-inglese

Errori comuni in inglese: come evitare 10 degli errori più frequenti!

Volete parlare bene in inglese?

Potreste cominciare imparando dei modi di dire comuni in inglese.

Potreste anche iniziare a parlare con maggiore naturalezza imparando dello slang americano.

Innanzitutto, è importante assicurarsi di non compiere errori comuni di grammatica inglese.

In questo articolo parleremo degli errori in inglese più comuni tra gli studenti di lingue e dei metodi più efficaci per evitarli. Una volta comprese le regole grammaticali che stanno dietro questi errori, sarete meno inclini a commetterli in futuro.

Errori comuni in inglese: come evitare 10 degli errori più frequenti!

May o Might

Decidere quando utilizzare “may” e quando “might” può risultare difficile in quanto la differenza tra questi due verbi è davvero minima. Entrambi indicano che qualcosa è possibile, ma “might” implica maggiore incertezza di “may”.

“I might take a trip to India next year”  significa che forse andrete in India o forse no. “I may have a slice of cake after dinner” esprime leggermente maggiore certezza che mangerete quel pezzo di torta.

Ciò che rende il tutto particolarmente confusionario è che “may” diventa “might” nella sua forma al passato. Quindi, al presente direte “he may eat the last piece of cake”, mentre al passato direste “he might have eaten the last piece of cake”.

Fewer o Less

Si tratta di un errore comune sia per gli studenti che per alcuni madrelingua.

Sia “fewer” che “less” indicano l’opposto di “more”, ma dovrete guardare il sostantivo a cui si riferiscono per decidere quale parola usare. “Fewer” viene usato per sostantivi numerabili, come libri, auto, persone o tazze. In sostanza, se un numero può precedere il sostantivo, come 2 libri, 10 auto, 100 persone o 5 tazze, si tratta di un sostantivo numerabile.

“Less”, invece, viene utilizzato per sostantivi non numerabili, come amore, acqua, elettricità o scienza. Se non potete rendere plurale un sostantivo, si tratta di un sostantivo non numerabile. Ad esempio, direste “this parking lot is too crowded. I wish there were fewer cars” e “I wish you would turn off the lights, so we could use less electricity”.

Could, Should, o Would

Si tratta di tre parole dal suono simile che possono mettere in difficoltà molti studenti.

“Should” viene usato per chiedere o dare consigli. Esempi: “That shirt looks great on you. I think you should buy it” oppure “You should get vaccinations before traveling overseas”.

Would viene usato per descrivere situazioni improbabili o irreali. Esempi: “I would love to go to Italy, but I don’t have enough money” oppure “She would come to the party if she didn’t have to wake up early tomorrow”).

Infine, “could” viene utilizzato in tre modi differenti: 1) per descrivere un’abilità che avevate in passato (“When I was younger, I could run twice as fast”) 2) descrivere possibilità future  (“If we work really hard, I think we could save up enough money for a vacation this year”) 3) fare richieste formali ed educate (“Could I have a cup of tea?”).

Since o For

Le parole “since” e “for” vengono entrambe utilizzate quando si discute del tempo.

La differenza è che “for” viene utilizzato indicando un periodo di tempo specifico, mentre “since” viene utilizzato più spesso nei “perfect tenses”. Ciò significa che “for” viene posto prima di espressioni come “30 minutes”, “6 months” e “10 years”, mentre “since” va collocato prima di espressioni come “Monday”, “January” o “2009”. Potreste dire “he jogs for 1 hour everyday” o“he has lived in Bangkok for 10 years”. Usando “since” direste:“he’s been jogging since 7am”, or “he has lived in Bangkok since 2003”.

Bring o Take

“Bring” e “take” hanno più o meno lo stesso significato ma implicano azioni differenti. La loro relazione è simile a quella tra i verbi “come” e “go”.

“Bring” indica uno spostamento verso l’oratore, rendendola simile a “come” in questo senso. Dite alle persone di bring you qualcosa nel posto in cui siete. Ad esempio, potreste dire “bring that book over here”, o “please bring a snack to the party”.

“Take”, invece, suggerisce un movimento opposto, ovvero in direzione contraria a quella dell’oratore, simile a “go”. Voi take oggetti con voi nel posto in cui andate. Potreste dire “don’t forget to take your book to school”, oppure “please take me home”.

Ordine degli aggettivi

Se state usando più di un aggettivo per descrivere un sostantivo, tenete a mente che gli aggettivi devono essere posizionati in un certo ordine nella frase. Questa è la ragione per cui dire “it’s a big red car” è corretto mentre “it’s a red big car” suona errato.

L’ordine normalmente corretto sarebbe: 1) quantità o numero, 2) qualità o opinione, 3) misura, 4) forma, 5) età, 6) colore, 7) nazionalità, 8) materiale. Naturalmente è molto inusuale sentire più di 3 aggettivi per descrivere un sostantivo, quindi non vi capiterà spesso di doverli usare tutti in un’unica frase.

Me o Myself

Il corretto use di “me” e di “myself è spesso poco chiaro, sia per gli studenti di inglese che per i madrelingua. Molti pensano che utilizzare “myself” al posto di “me” sia semplicemente un modo più formale per dire la stessa cosa. Sbagliato!

“Me”è un pronome dimostrativo, quindi si riferisce alla persona per cui viene effettuata l’azione del verbo. Potreste dire, ad esempio “my parents want me to help with the chores more”, oppure “please call me if you have any questions”.

“Myself”, invece, è un pronome riflessivo, come “himself”, “itself” or “themselves”. Generalmente viene usato esclusivamente nelle frasi in cui compare “I”. Potreste dire, per esempio: “I gave myself a break from studying today”, oppure “I cleaned the entire house by myself

There, Their, o They’re

Queste parole si pronunciano nello stesso modo ma hanno significati ben diversi.

“There” può essere utilizzato per indicare un posto specifico (“The book is over there on the table”) o può essere usato insieme al verbo “to be” per indicare l’esistenza di qualcosa (“There are 5 cafes on this street”).

“Their” è un aggettivo possessivo, come  “my”, “your” o “his” (“that’s their house”).

Infine, “they’re” è la abbreviazione di “they are”, quindi è il soggetto “they” insieme al verbo “are.” Ad esempio potreste dire “they’re going to play soccer with us tonight”.

Its o It’s

Esattamente come molte persone confondono “there”, “their” e “they’re”, altrettanti individui confondono “it’s” e “its” perché entrambe le parole vengono pronunciate allo stesso modo nonostante abbiano significati diversi.”It’s” è l’abbreviazione di “it is”, quindi il soggetto “it” più il verbo “is”. Ad esempio potreste dire “it’s really cold outside today”.  “Its, invece”, è la forma possessiva di “it” (“this city is known for its amazing pasta”).

A o The

In molte lingue non ci sono distinzioni tra gli articoli determinativi e indeterminativi, quindi se non siete abituati a fare una distinzione tra i due, possono essere dei concetti difficili da assimilare.

Quando parlate di qualcosa in modo generale dovreste usare l’articolo indeterminativo “a”. Se state parlando di qualcosa di familiare a tutti i partecipanti alla conversazione dovreste utilizzare “the”. Ad esempio, se dicessimo “let’s watch a movie”, intenderemmo “qualsiasi” film, quindi nessuno in particolare. Se, invece, dicessimo “let’s watch the movie”, ci staremmo riferendo a un film in particolare di cui abbiamo già parlato in precedenza.

Abituatevi ad evitare questi errori grammaticali comuni e, oltre a guadagnare fluidità, aumenterete la vostra fiducia in voi stessi e nel vostro inglese!

If you liked this post, something tells me that you'll love FluentU, the best way to learn English with real-world videos.

Experience English immersion online!

Enter your e-mail address to get your free PDF!

We hate SPAM and promise to keep your email address safe

Close